Sfoglia online
il nostro e-book.
clicca qui.

book

TESSUTI

I migliori e più esclusivi tessuti italiani ed anglosassoni

Per soddisfare le esigenze dei nostri Clienti utilizziamo i migliori tessuti e più esclusivi della tradizione italiana ed anglosassone che rappresentano la sintesi più avanzata in quanto a comfort, versatilità, leggerezza, ingualcibilità, bellezza e qualità. Lane vergini, cashmere, vicuña, lini, cotoni e seta. Tutte le fodere sono inoltre in 100% Cupro by AsahiKASEI.

Lana Merino

La lana fu la prima fibra naturale utilizzata per l'abbigliamento e rimane ancor oggi una delle più importanti grazie alle sue straordinarie proprietà di igroscopicità, traspirabilità ed isolamento termico. La lana più pregiata proviene dalla razza ovina merino, originaria del bacino mediterraneo ma introdotta verso la fine del '700 in Australia ed in Nuova Zelanda, dove ha trovato l'habitat ideale.

Cashmere

Il cashmere è una fibra pregiata e preziosa dalle caratteristiche straordinarie. Si ottiene unicamente dal vello della capra Hyrcus, originaria delle regioni montuose del Cashmir ed ora localizzata per lo più nella parte settentrionale della Cina, in Mongolia, Iran ed Afghanistan. Per sopravvivere in un habitat ostile, con inverni rigidi ed estati torride, la capra Hyrcus ha sviluppato sotto il vello esterno più grossolano un sottovello denominato duvet.

Questo è il cashmere, una fibra di incredibile leggerezza, morbidezza e finezza, intorno ai 14 micron (millesimi di millimetro), caratterizzata da un'elevatissima capacità di isolamento termico sia dal freddo che dal calore.Ogni capra produce però solo 150-200 grammi di duvet all'anno. Per questo il cashmere è così prezioso. Le difficoltà legate al reperimento ed al controllo della fibra ne aumentano ulteriormente il valore.

Baby Cashmere

Baby Cashmere è il sottovello ottenuto esclusivamente dai cuccioli di capra Hyrcus. Questa incredibile materia prima per veri intenditori - finissima e di una morbidezza impalpabile - si raccoglie con un delicato processo di pettinatura, totalmente innocuo per i piccoli animali.

Vicuña

La fibra più fine al mondo. Ridotta a non più di 5000 esemplari nei primi anni '60 il WWF insieme con il governo peruviano incominciarono un programma di protezione che portò alla salvezza della specie dichiarata a rischio dalla Convenzione di Washington del 1976.
Questo piccolo camelide, che vive oggi solo allo stato brado, è attualmente presente in più di 160.000 capi, di cui più di 100.000 solo in Perù.
Fragile, aggraziata ed estremamente timida ma dotata di grande agilità, la vigogna è il più piccolo dei camelidi con un'altezza che varia dai 70 ai 90 cm. e con un peso che non supera i 55 chili.
L'ambizioso e riuscito programma di conservazione e promozione internazionale dei prodotti in vicuña perpetua la tradizione di una fibra unica, da sempre considerata dalle popolazioni andine un dono degli Dei e per questo ad esclusivo utilizzo della famiglia reale.
Apprezzate e protette dagli Inca - che ne proibivano l'uccisione al momento che il loro vello vestiva solo la classe alta - le vigogne continuano ad essere adorate come animali sacri dagli indios aimara del Perù meridionale e della Bolivia.
Gli imperatori Inca si vestivano solo con abiti tessuti con lana di vigogna. Li usavano una volta sola per poi offrirli come prezioso regalo. In questo modo il sovrano inca esprimeva la sua decisione di onorare e lusingare le persone che avevano servito adeguatamente lo stato o realizzato qualcosa di meritevole.
L'aura leggendaria è ben giustificata dalle straordinarie caratteristiche di finezza, leggerezza, morbidezza e resistenza di questa fibra che, con un diametro medio di 12-13 micron (micron=millesimo di mm) , svolge un'incomparabile azione termoregolatrice. Protezione, quindi, dal rigore invernale e dall'arsura estiva che caratterizzano gli altipiani andini in cui la vicuña, per sopravvivere, ha sviluppato la preziosissima lanugine con la caratteristica coloritura che varia dal castano oro al fulvo carico. L'animale adulto produce però solo 250 gr di pelo ogni due anni che, dopo la tosatura si riducono a soli 120 gr. Ciò significa che per la produzione di un cappotto di vicuña occorre il vello di 25-30 animali. Il valore intrinseco di un tessuto e di un capo in vicuña è quindi ulteriormente accresciuto dalla rarità della fibra e dall'autentica arte di lavorazione della stessa.